In una condizione infrequente come quella della ipertensione polmonare arteriosa il gap fra le linee guida basate sulla evidenza disponible e le molte domande irrisolte sul monitoraggio della malattia e sul migliore trattamento individuale resta il terreno sul quale sono chiamati a confrontarsi i professionisti di area cardiologica, pneumologica e eumatologica impegnati nella cura di questa patologia.

A due anni dal workshop internazionale tenuto a Castello Utveggio sulla “Ipertensione polmonare nelle pneumopatie vascolari e parenchimali” il percorso verso una migliore qualità della assistenza ai malati con ipertensione polmonare si arricchisce di nuove iniziative che realizzano il modello della rete di centri esperti intra-regionale e nazionale. La esigenza di condividere e di descrivere percorsi diagnostici e terapeutici, di misurare i risultati ottenuti e di affrontare le sfide che ci attendono in termini di efficacia terapeutica e di sostenibilità economico-organizzativa spingono alla ricerca di strumenti comuni che facilitino la raccolta e l’analisi dei risultati raggiunti. Insieme alla ripresa dei criteri classificativi, in attesa della pubblicazione delle nuove linee guida verranno esposte le novità terapeutiche un termine di nuovi approcci con terapie note o di nuove molecole presto disponibili.

La comunicazione di esperienze cliniche favorirà la comunicazione e l’approfondimento di tematiche maggiormente incidenti nella pratica clinica. Non mancherà l’incontro fra i rappresentanti delle istituzioni sanitarie regionali, le associazioni pazienti e i professionisti sanitari convolti nella forma di una tavola rotonda che riunirà tutti soggetti implicati nella risposta ad un bisogno sanitario importante in termini di impatto prognostico ed economico- organizzativo.

 

Il programma del Workshop è scaricabile dal seguente link: Workshop SICILIANO