L’ipertensione arteriosa polmonare è una patologia rara caratterizzata da un progressivo rimodellamento vascolare polmonare che conduce ad insufficienza ventricolare destra. Sino a due decenni fa l’unica strategia terapeutica consisteva nell’utilizzo empirico di alcuni dei farmaci allora disponibili. In seguito, grazie ad una migliore comprensione dei meccanismi eziopatogenetici e all’introduzione progressiva di farmaci specifici, la prognosi dei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare è significativamente migliorata.

Ancora oggi, tuttavia, i registri internazionali dimostrano come la patologia sia gravata da una ridotta sopravvivenza e da una diseguaglianza nell’accesso alle cure: la stessa conferma diagnostica non sembra avvenga in modo uniforme così come orientata dalle recenti linee guida redatte dalle società europee di cardiologia (ESC) e pneumologia (ERS). D’altronde il modello assistenziale HUB-SPOKE non è prevalente nel nostro paese (nonostante in alcune Regioni si sia operato in tal senso) per quanto le direttive UE promuovano, nell’ambito delle Malattie Rare, le Reti di Riferimento Europee (ERN) cioè network di centri di expertise: di fatto un’équipe medica, un centro medico o un ospedale formalmente accreditato dallo stato membro in cui opera.

In quest’ottica, gli esperti afferenti a Centri d’Eccellenza europei condivideranno gli esiti degli studi e delle conoscenze più recenti, contribuendo ad una migliore conoscenza sulla gestione dell’ipertensione polmonare, con l’obiettivo di favorire l’integrazione culturale e assistenziale tra centri di primo e secondo livello.

Il programma del Convegno è scaricabile al seguente link: Convegno Nazionale - Pavia 28-29 Ottobre 2016